Il Presidente del Consiglio dei Ministri ha pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 127 del 18 maggio 2020, il D.P.C.M. 18 maggio 2020, recante modifiche all’articolo 1, comma 1, lettera cc), del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 17 maggio 2020, concernente: «Disposizioni attuative del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, recante misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19, e del decreto-legge 16 maggio 2020, n. 33, recante ulteriori misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19».

 

Tutte le disposizioni emanate per l’emergenza Coronavirus

 

Fonte: Gazzetta Ufficiale

 

 


 

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 18 maggio 2020 

Modifiche all'articolo 1, comma  1,  lettera  cc),  del  decreto  del
Presidente del Consiglio dei ministri 17  maggio  2020,  concernente:
«Disposizioni attuative del  decreto-legge  25  marzo  2020,  n.  19,
recante misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da
COVID-19,  e  del  decreto-legge  16  maggio  2020,  n.  33,  recante
ulteriori misure urgenti per fronteggiare l'emergenza  epidemiologica
da COVID-19».
 
                            IL PRESIDENTE 
                     DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 
 
  Vista la legge 23 agosto 1988, n. 400; 
  Visto il decreto-legge 23 febbraio  2020,  n.  6,  recante  «Misure
urgenti  in  materia  di  contenimento  e   gestione   dell'emergenza
epidemiologica da COVID-19»,  convertito,  con  modificazioni,  dalla
legge 5 marzo 2020, n. 13, successivamente abrogato dal decreto-legge
n.  19  del  2020  ad  eccezione  dell'articolo  3,  comma  6-bis,  e
dell'articolo 4; 
  Visto il decreto-legge  25  marzo  2020,  n.  19,  recante  «Misure
urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19» e in
particolare gli articoli 1 e 2, comma 1; 
  Visto il decreto-legge 16 maggio 2020, n.  33,  recante  «Ulteriori
misure  urgenti  per  fronteggiare  l'emergenza   epidemiologica   da
COVID-19»; 
  Visto il decreto del  Presidente  del  Consiglio  dei  ministri  17
maggio 2020, recante «Disposizioni  attuative  del  decreto-legge  25
marzo  2020,  n.  19,  recante  misure   urgenti   per   fronteggiare
l'emergenza epidemiologica da COVID-19, e del decreto-legge 16 maggio
2020, n.  33,  recante  ulteriori  misure  urgenti  per  fronteggiare
l'emergenza epidemiologica da COVID-19»,  pubblicato  nella  Gazzetta
Ufficiale n. 126 del 17 maggio 2020; 
  Vista la dichiarazione dell'Organizzazione mondiale  della  sanita'
del 30 gennaio 2020 con la quale  l'epidemia  da  COVID-19  e'  stata
valutata  come  un'emergenza  di  sanita'   pubblica   di   rilevanza
internazionale; 
  Vista  la  successiva  dichiarazione  dell'Organizzazione  mondiale
della sanita' dell'11 marzo 2020 con la quale l'epidemia da  COVID-19
e' stata valutata come «pandemia» in considerazione  dei  livelli  di
diffusivita' e gravita' raggiunti a livello globale; 
  Vista la delibera del Consiglio dei ministri del 31  gennaio  2020,
con la quale e' stato dichiarato, per sei mesi, lo stato di emergenza
sul territorio  nazionale  relativo  al  rischio  sanitario  connesso
all'insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili; 
  Considerati  l'evolversi  della   situazione   epidemiologica,   il
carattere particolarmente diffusivo dell'epidemia e l'incremento  dei
casi sul territorio nazionale; 
  Considerato, inoltre, che le dimensioni sovranazionali del fenomeno
epidemico e l'interessamento di piu' ambiti sul territorio  nazionale
rendono   necessarie   misure   volte   a    garantire    uniformita'
nell'attuazione  dei  programmi  di  profilassi  elaborati  in   sede
internazionale ed europea; 
  Visti i verbali n. 64, 65, 66, 67, 68, 69 e 70 di cui  alle  sedute
del  3,  4,  5,  6,  7,   8   e   11   maggio   2020   del   comitato
tecnico-scientifico di cui all'ordinanza del  Capo  del  dipartimento
della protezione  civile  3  febbraio  2020,  n.  630,  e  successive
modificazioni e integrazioni; 
  Ritenuto necessario provvedere alla  riformulazione  della  lettera
cc)  dell'articolo  1,  comma  1,  del  decreto  del  Presidente  del
Consiglio dei ministri 17 maggio 2020; 
  Su  proposta  del  Ministro  della  salute,  sentiti  il   Ministro
dell'interno, della difesa, della giustizia e dell'economia  e  delle
finanze nonche' sentito il Presidente della conferenza dei presidenti
delle regioni e delle province autonome; 
  Richiamati integralmente tutte le disposizioni e  gli  allegati  di
cui al decreto del Presidente del Consiglio dei  ministri  17  maggio
2020; 
 
                              Decreta: 
 
                               Art. 1 
 
                 Modifiche al decreto del Presidente 
              del Consiglio dei ministri 17 maggio 2020 
 
  1.  All'articolo  1,  comma  1,  del  decreto  del  Presidente  del
Consiglio dei ministri 17 maggio 2020, la lettera cc)  e'  sostituita
dalla seguente: «cc)  tenuto  conto  delle  indicazioni  fornite  dal
Ministero della salute, d'intesa con il coordinatore degli interventi
per  il  superamento  dell'emergenza  coronavirus,  le  articolazioni
territoriali del Servizio sanitario nazionale assicurano al Ministero
della giustizia idoneo supporto per il contenimento della  diffusione
del contagio del COVID-19, anche mediante adeguati presidi  idonei  a
garantire, secondo i protocolli sanitari  elaborati  dalla  Direzione
generale della prevenzione sanitaria del Ministero  della  salute,  i
nuovi ingressi negli istituti penitenziari e  negli  istituti  penali
per minorenni. I casi sintomatici dei nuovi ingressi  sono  posti  in
condizione di isolamento dagli altri detenuti;». 
 
    Roma, 18 maggio 2020 
 
                                                 Il Presidente        
                                           del Consiglio dei ministri 
                                                     Conte            
Il Ministro della salute 
        Speranza 

Registrato alla Corte dei conti il 18 maggio 2020 
Ufficio di controllo sugli atti della Presidenza del  Consiglio,  del
Ministero della giustizia e del Ministero degli affari esteri, reg.ne
n. 1065