Con ordinanza n. 23927 del 29 ottobre 2020, la Corte di Cassazione ha affermato che in caso di licenziamento avvenuto durante il periodo di prova incombe sul lavoratore l’onere, ai sensi dell’art. 2967 c.c., di dimostrare il positivo superamento del periodo di prova o che il recesso sia stato determinato da motivo illecito, estraneo alla funzione del patto di prova.