Con ordinanza n. 14967 del 14 luglio 2020, la Corte di Cassazione ha affermato che in presenza di un licenziamento disciplinare che trae origine da una contestazione generica, ci si trova di fronte ad un recesso illegittimo in quanto il dipendente è stato privato del diritto ad una propria adeguata difesa.