CorteSupremaCassazioneCon ordinanza n. 17707 del 2 luglio 2019, la Corte di Cassazione ha affermato che “la dipendenza della malattia del lavoratore da una causa di servizio non implica, ne’ può far presumere che l’evento dannoso sia derivato dalle condizioni di insicurezza dell’ambiente di lavoro, essendo possibile che la patologia accertata debba essere collegata alla qualità intrinsecamente usurante della ordinaria prestazione lavorativa ed al logoramento dell’organismo del dipendente esposto ad un lavoro impegnativo per un lasso di tempo più o meno lungo. In detto ultimo caso si resta al di fuori dell’ambito dell’articolo 2087 c.c. che riguarda una responsabilità contrattuale ancorata a criteri probabilistici e non solo possibilistici“.